venerdì 9 dicembre 2011

A Natale Adotta una Specie

 

Come già sapete da alcuni precedenti postsmiley, a settembre in casa Lucchetti siamo arrivate noi, due gemelline a quattro zampe, Gasparina ed Isotta, e il mese scorso è arrivata a farci compagnia la nostra terza sorellina, la nerissima Clorinda, che si è ambientata direi in una maniera perfetta (sia nei giochi sia nella spartizione della pappa: ve lo posso assicurare, io che sono golosissima con lei sono anche molto generosa). Tutti quanti da subito si sono sentiti in dovere di fare di tutto perché noi tre micine ci sentissimo a casa nostra: dal papà che corre a comperare il pesce, lo congela già arrotolato con la forma della pentola, lo fa lessare e lo pulisce con cura solo per noi, le sue gattaccine… ai nostri cinque fratellini che ci siamo spartiti per simpatia, anzi sarebbe meglio dire “empatia”: Enrico è adorato e seguito in ogni passo da Isotta, molto affezionata anche a Carolina (effettivamente i tre J si somigliano molto non solo fisicamente – biondi Enrico e Carolina, candida ma maculata di miele Isotta) ma anche per il carattere aristocratico e disdegnoso; io, Gasparina, incontro più l’indole sorniona di Stefano e Teresa, così come il mio pelo tigrato ricorda la morbida cenere dei loro capelli; e l’ultima arrivata, Clorinda, guarda caso, si intende a meraviglia col piccolino di casa, Agostino, minuto, furbo e scattante proprio come lei, nonché scuro di capelli e di occhi.devil

E la mamma? E’ forse l’unica traumatizzata dalla situazione, perché da qualche tempo soffre di uno strano raffreddore con tosse che non passa, e teme sinceramente di avere a che fare con una forma di allergia, anche perché ogni volta che le passiamo sotto il nasino comincia insistentemente a starnutire. Aspettando la prossima visita dal veterinario, che dovrebbe portarci qualche consiglio – ma farà paura andare dal veterinario? Io non ci sono mai stata! - si adopera sempre di più nei lustraggi mattina, pomeriggio e sera, con areazioni intense nonostante il freddo barbino, mentre noi gattine assistiamo incuriosite e ne approfittiamo per sgattaiolare fuori sul balcone a giocare con la nostra pallina preferita, e coi vasi di fiori! La mamma ha provato a tradimento a farci anche una specie di bagnetto a secco con un prodotto antiallergenico (ma non avrebbero potuto farlo in spray, dico io?) ma noi siamo riuscite a scappare a metà dell’impresa, e lei si è arrabbiata un po’ promettendoci di tornare all’assalto. E’ meglio, molto meglio che si prenda il suo Oscillococcinum e non ci torturi con i lavaggi (a quale gatto piace lavarsi?) o rinforzando il sistema immunitario a forza di broccoli, arance, mandarini e yogurt fatti in casa… cosa ne pensate? (con una mamma così, non potevo non diventare un’esperta di cucina anch’io!). Anzi, adesso le passo la parola, perché mi ha detto che deve scrivere qualcosa di importante!heart

(Mamma). La casa. Noi siamo abituati a pensare nel nostro quotidiano ai nostri fidi amici domestici, ma la maggior parte degli animali, solitamente, vive in libertà. Settimana scorsa mi è stata offerta la possibilità di partecipare ad una nuova campagna ebuzzing, questa volta per WWF: leggendo il brief ho scoperto che qualche giorno fa un comunicato della IUCN (Unione Internazionale per la salvaguardia della natura) avrebbe rivelato che addirittura un quarto dei mammiferi viventi rischiano l’estinzione, per una serie di concause naturali (cambiamenti climatici) e dovute all’azione del’uomo (che distrugge i loro habitat naturali o si abbandona alla caccia selvaggia ed alla bricconeria allo scopo di destinarli al commercio illegale). Maggiormente a rischio sono orsi, elefanti, oranchi, delfini, tartarughe marine, panda, ma anche alcuni parenti stretti di Gasparina, Isotta e Clorinda come le tigri e i ghepardi.

Sono stati attuati da qualche tempo dei programmi di salvaguardia che in diversi casi (ad esempio per i rinoceronti, i cavalli, i leoni) hanno sortito successi insperati.

Questi programmi fanno leva sugli studi di esperti e ricercatori, e su pattuglie antibracconaggio, o ancora su équipes di riabilitazione e reintroduzione in natura di animali liberati dalla cattività; ma per sopravvivere ed agire hanno la necessità di cospicui finanziamenti.

WWF ha pensato di agevolare tali finanziamenti tramite le adozioni delle specie più a rischio, e di quelle che condividono con loro il medesimo habitat (tra l’altro quello degli habitat naturali è un argomento che Teresa sta studiando in geografia, e devo dire che il suo libro, Otto Matite, lo tratta piuttosto approfonditamente). In pratica, scegliendo di proteggere una specie, mettiamo la tigre, proteggerò anche tutti gli animali che “coabitano” con quello che è considerato il più maestoso fra i grandi felini del genere “panthera” (può arrivare a 300 kg di peso!), l’unico probabilmente con le stesse dimensioni dei felini preistorici (avete mai visto l’Era Glaciale, ad esempio, dove uno dei protagonisti, Diego, è una tigre dai denti a sciabola?). In particolare, sarà forse perché è il centenario della morte di Salgari (e così ci stiamo affezionando ai suoi avvincenti romanzi che ci legge la sera papà prima di andare a letto), noi abbiamo fra le specie in pericolo una particolare predilezione per la Tigre del Bengala, che quest’anno è stata la protagonista della Giornata mondiale dell’ambiente: pare che fra tutte le specie di tigri questa sia la più aspramente minacciata, con un 60% di esemplari ormai falcidiati rispetto agli scorsi decenni. Acclimatata nelle foreste dell’India e del Bangladesh, a causa del cattivo stato di salute delle selve ma anche e soprattutto del bracconaggio che mira alla sua pregiata pelle, sta estinguendosi a velocità supersonica.

Le modalità delle adozioni sono molteplici. Pensiamole, come ha fatto WWF, come un dono di Natale da fare a noi stessi, ai nostri bambini, a qualcuno che ci è caro. L’adozione semplice costa solo 30 euro: in cambio riceveremo una scheda con l’animale adottato (nel nostro caso la tigre) ed una lettera di Fulco Pratesi, fondatore (1966) e presidente onorario del WWF Italia, scrittore, illustratore, giornalista e ambientalista, che ha diretto per trent’anni dal 1979 la rivista illustrata per ragazzi “L’Orsa”; inoltre ci sarà destinato un planisfero con la segnalazione delle aree di intervento e un adesivo del WWF. Naturalmente ci si potrà avvalere di una modalità immediata diadozione digitale; fra le opportunità, si potrà richiedere l’adozione con pelouche (con un contributo a partire da 50 euro) ma anche l’adozione Trio (sempre con pelouche): con quest’ultima, con un contributo a partire da 125 euro, si adottano tre specie collegate e fra le varie aree di scelta c’è anche l’Italia delle foreste alpine e delle montuosità appenniniche, con lupi, orsi e delfini.

A Natale si spreca tanto denaro inutilmente, e tanto se ne getterà via anche in questo periodo di crisi per rincorrere bisogni fittizi. Cosa ne dite invece di adottare da lontano una specie in estinzione? In fondo anche Salgari scrisse i suoi più bei libri senza mai avere visto di persona una foresta bengalese. Viaggiamo con la fantasia: salviamo il pianeta e i suoi animali!

adozioni


Articolo sponsorizzato

Nessun commento:

Dal 1° gennaio 2010 mi avete letto in...

Lilypie

Lilypie Second Birthday tickers Lilypie Kids Birthday tickers
Lilypie Kids Birthday tickers
Lilypie Kids Birthday tickers
Lilypie dal 6° al 18° Ticker Lilypie dal 6° al 18° Ticker
Daisypath Anniversary tickers
PitaPata Cat tickers
PitaPata Cat tickers
PitaPata Cat tickers

Segnalato da...

Add to Technorati Favorites BlogItalia.it - La directory italiana dei blog Blog360gradi - L’aggregatore di notizie a 360° provenienti dal mondo dei blog! questo blog fa parte della rete del Mommyblogging italiano Ricette di cucina