lunedì 16 maggio 2011

Vi scrivo dal Brinzio. Di ballottaggi, di Varese, Milano e di risotti… ahaha

357

Oggi a Varese è lunedì di elezioni, la scuola dei miei bambini è sede di seggio e così stamattina (e anche domani) i poppanti sono rimasti a casa. A proposito: siete stati a votare? Io sì, e devo dire l’ho fatto con una certa soddisfazione, dopo un iniziale momento di crisi. Nelle grandi città c’è fermento, mentre vi scrivo si orecchia che a Milano ci sarà il ballottaggio; a me spiace per Matteo Salvini, il mio “capo” radiofonico, e anzi devo dire la verità, sono fra quelle persone che han sempre pensato che la Lega a Milano dovesse correre da sola, perché lui sarebbe stato un candidato perfetto per vincere, giovane, attento alla cultura, intelligente: ma si è deciso altrimenti e ciao, moltissima delusione nella base, forse preventivata, chissà.

L’unica cosa che mi ero permessa timidamente di segnalare (del resto mi intendo di fornelli, non di politica, quindi come titolare della rubrica di cucina di Radio Padania era mio dovere farlo…), e che a mia volta avevo ricevuto come segnalazione perché non faccio mai in tempo ad accendere la televisione a quell’ora, detto per inciso…), in Cotto e mangiato della Parodi pare che pochissimo tempo fa si fosse presentata nientemeno che la Moratti a mantecare un risotto con la margarina Perplesso! Ecco, la zappa televisiva sui piedi, secondo me, se la potrebbe essere tirata addosso in quell’occasione, perché i milanesi possono passar sopra su alcune cose, ma sul risotto proprio non perdonano. Altro che l’affondo su Pisapia a Sky A bocca aperta. E’ come se a Bari (se ci fossero state elezioni) si fosse presentato un candidato in televisione a dichiarare che sulle orecchiette con le cime di rape lui mette il pecorino Sorriso. A proposito di orecchiette, mi viene in mente che non vi ho ancora segnalato la mia intervista alla deliziosa Ornella di Ammodomio, intervista che potete leggere sul Cavolo Verde, naturalmente!

Per rimanere in tema di elezioni, stando ai primi spogli di Varese, invece, pare sia in vetta Fontana, anche se si parla per ora (h.18:00) di dieci seggi scrutinati su 85: non mi stupirei però che ci fosse un’inversione di rotta anche per Varese, perché Luisa Oprandi stavolta è davvero un bell’asso nella manica del PD. Staremo a vedere, anche se non nascondo la mia simpatia per questa figura di storica e cultrice del dialetto, che all’improvviso si porrebbe come una ventata nuova di cultura per la mia città, senza nulla togliere al Festival dell’Insubria e al Premio Chiara, due eventi fra gli altri che forse mi attraggono più degli altri: ma ci vuole di più, ci vuole attenzione ai rioni, bisogna far rifiorire la cultura nei quartieri, e non solo la cultura. Chi vincerà avrà da sistemare una serie di cose, tipo i parchi cittadini. Uno fra tutti, il Molina, con quello strapiombo a picco sulla via Postumia, e la scalinata raffazzonata in qualche maniera con materiale di recupero, scivolosa, pericolosa, senza corrimano, con le lastre in bilico a mo’ di gradini… così affollato ed amato, e così maltenuto, questo povero parco Molina, chissà poi a quale scopo, quando se si va invece ai Giardini Estensi sembra di essere a Versailles!

E poi Belforte: tutte quelle costruzioni abbandonate, capannoni, case liberty, che si potrebbero acquistare e adibire a biblioteche rionali, anche per i ragazzi – la sede centrale c’è, ma purtroppo chiude presto, alle 18:30, e mi dicono che ci sono lamentele per la mancanza di Parcheggi. Belforte ha tutti gli spazi che vuole: la spostiamo lì una bella biblioteca per i ragazzi, magari che so, proprio facendo rinascere il pericolante Castello, purtoppo per metà, a quanto pare, in mano a dei privati che non avrebbero interesse a restaurarlo?336

Va be’, i sogni sono così belli, ma la politica, si sa, è stare coi piedi per terra, e io per la politica spicciola non sono nata: semmai sono una sognatrice con la tastiera in mano: quindi andiamo avanti a parlare, piuttosto, della mia giornata. Dopo una bella dormita (si fa per dire: io mi sono addormentata alle due di notte), papà torna dalla notte di buon umore e ci propone di fare un bel picnic: entusiasti, accettiamo tutti al volo! La meta è presto scelta: essendo un giorno lavorativo, al Wild Land del Brinzio, a dieci minuti di macchina da Varese, non ci sarà nessuno. Mentre noi ci sistemiamo, papà corre a comperare michette, prosciutto e salame. Due litri d’acqua e pallone nello zaino, macchina fotografica e siamo pronti? No, manca la telecamera! Sì, che bello, facciamo anche un po’ di riprese!

La giornata è limpidissima. Gli uccellini cinguettano, accordandosi con il frinire delle cicale e il rumore delle nostre mandibole. I panini sono quindici, ed evaporano giusto in un quarto d’ora, uno al minuto, chi più chi meno, secondo la nota legge della media matematica, che a livello familiare rende molto meglio che su grande scala. All’una esatta, per scampare al venticello fresco che sembra concentrato sotto i tavoli, ci tuffiamo sul campetto di calcio, io sul rialzo d’erba che serve da tribuna, col mio portatilino, e gli altri dentro. Scrivere all’aria aperta è fantastico, ma come al solito non si fa in tempo a buttar giù due righe che il resto del mondo ti richiama a gran voce. Le femmine sono le più scalmanate: Teresa sembra un elfo calciatore, la mia Teresa che sabato mattina, con la sua migliore amica, ha partecipato ai campionati d’atletica delle scuole elementari di Varese e ha vinto la medaglia d’argento (per forza: erano solo loro due, Ilaria è arrivata prima, ehehe)!

328

Così, volevo giusto fare due chiacchiere e riaggiornarvi un po’. Oggi pomeriggio (ormai sono già a casa, portatile di nuovo alla mano) mi aspetta una seduta intensa di lavoro: sto allestendo un editoriale per il Cavolo Junior di cui sarò caporedattrice (eureka! Non potete immaginare come io sia felice di questo nuovo incarico!), scrivere un pezzo per la Huggies (anche questi post sponsorizzati sono ipergraditi, quando me li propongono) e un altro sugli asparagi di Cantello, destinazione supersegreta!

Passo e chiudo E la ricetta, direte voi? Cosa ci interessa delle foto di una babbiona, pur bionica? Noi vogliamo le ricette!!! SorrisoSiccome sono di corsa, stasera vi beccate ‘ste foto, ma domani, promesso, arriva pure la ricetta e non solo: si inizia a discutere seriamente di prodotti, qualità, prezzi a Varese e in lungo e in largo per l’Italia più varie ed eventuali. Quindi a domani, con i miei nuovissimi consigli per acquisti bionici!

Nessun commento:

Dal 1° gennaio 2010 mi avete letto in...

Lilypie

Lilypie Second Birthday tickers Lilypie Kids Birthday tickers
Lilypie Kids Birthday tickers
Lilypie Kids Birthday tickers
Lilypie dal 6° al 18° Ticker Lilypie dal 6° al 18° Ticker
Daisypath Anniversary tickers
PitaPata Cat tickers
PitaPata Cat tickers
PitaPata Cat tickers

Segnalato da...

Add to Technorati Favorites BlogItalia.it - La directory italiana dei blog Blog360gradi - L’aggregatore di notizie a 360° provenienti dal mondo dei blog! questo blog fa parte della rete del Mommyblogging italiano Ricette di cucina