mercoledì 4 marzo 2009

Due segnalazioni


Buongiorno! Tempo bigio anche stamattina. Io avrei dovuo portare Agostino a fare la prima vaccinazione, ma questo superpoppante non ha dormito tutta la notte: mica che abbia qualche infleunzina anche lui? Così, dopo avre infilato sullo scuolabus i fratellini maggiori, siamo tornati nel lettone a recuperare il sonno perduto e ce la siamo presi un po' comoda. Bella la vita casalinga, eh? Soprattutto comoda, se penso a cosa dovrebbero penare in questi casi i bambini se lavorassi fuori casa... Come ho detto in un'intervista di due domeniche fa a Radio Padania - una bella sorpresa che mi hanno fatto le donne padane-, le mamme dovrebbero avere la possibilità di scegliere se lavorare o no i primi anni della vita dei loro piccoli. La scelta che ho fatto io grazie all'appoggio di mio marito, e che continuerò a fare se si realizzerà il mio sogno di lavorare scrivendo. Purtroppo le cose però non stanno sempre così per le mamme. E' un problema -economico, politico, sociale- così complesso che non mi sento di scioglierlo in due righe di circostanza, ma vorrei manifestare la mia solidarietà a tutte le mamme che invece devono per forza di cose lavorare fuori casa e affidare i piccoli a terzi. E' veramente una società in sfacelo quella che non tutela a priori mamme e bambini nei primi anni di vita.

Rimanendo in tema di scrittura, oggi volevo farvi un paio di segnalazioni letterarie: voltate pagine e le scoprirete.


La prima è che oggi su Liblog è apparsa la mia terza recensione. Come vi avevo preannunciato, ho parlato di A -ulì -ulé di Nico Orengo. Ormai mi sto, come dire? specializzando in recensioni di letteratura per l'infanzia (potrebbe essere diversamente, secondo voi, con tutti i libri che leggo ai miei figli?).
Visto che siamo in tema vi segnalo che a Milano fino a domenica 8 marzo si sta svolgendo Quantestorie, il festival del libro per bambini e ragazzi, a Teatro Litta, a due passi dalla Stazione Cadorna. Sono prvisti incontri con gli autori, fra cui la mitica Beatrice Masini. Sfogliate le pagine del sito ufficiale perché i bambini lombardi possono, anzi devono partecipare, ad un concorso di scrittura sul tema dei trasporti.

5 commenti:

cuochetta ha detto...

Grazie ... per i tuoi post e per la tua vita così vera... sono mamma di una bimba di 3 anni e per mia scelta ho deciso di abbandonare il lavoro x stare con la mia cucciola quando è nata, ora sono una mamma disoccupata, felice di essere mamma un pò meno di essere una donna non realizzata professionalmente,ma si sa come vanno queste cose...
per le tue segnalazioni e per l'amore x la scrittura... Viva i bimbi che leggono!
Anna

Bosina ha detto...

Grazie per le tue parole. Essere genitori implica prima di tutto un grande sacrificio che non tutti sono disposti a fare.
Io mi sono detta da subito che avrei privilegiato i miei figli a me stessa, altrimenti non avrebbe avuto senso diventar madre.
Questo non significa abbandonare ogni ambizione ma sapere che comunque, prima di tutto, viene la famiglia.
E comunque di mestieri compatibili con il ruolo di madre se ne possono fare. Basta aguzzare l'ingegno e aspettare il momento più giusto per la famiglia.
Un abbraccio

aldarita ha detto...

E' così bello quello che dici, completamente condivisibile. Purtroppo non tutte possono fare questa scelta quando sarebbe il momento. Io, da nonna, quando è nato il mio piccolo gnomo (certo erano anche maturi i tempi e non è stato l'unico motivo, ma io amo pensare che sia il principale) ho chiuso il ristorante per permettere a mia figlia di lavorare e, visto che abitiamo nella stessa casa, di non sottoporre il bimbo a spostamenti magari in orari di sonno profondo. Spero però che un prossimo bimbo, quando verrà, la convincerà che nemmeno una nonna sempre presente può sostituire una mamma e che qualche rinuncia sarà ampiamente ripagata dall'amore incondizionato dei bimbi

Bosina ha detto...

Sei davvero una nonna d'oro.
La mia mamma è andata in pensione l'anno che è nato il mio primo figlio, nel 2001, e mi è stata molto vicina, anche se io non ho mai delegato nulla né a lei né a mia suocera perché mio marito ed io abbiamo sempre voluto essere protagonosti dell'educazione dei nostri figli e della nostra vita (anche se c'era stato chi avrebbe preferito dettar legge...)
E' un discorso lungo. Abbiamo fatto tutto da soli, sin dal matrimonio. Ovviamente non siamo sempre stati capiti, ma questa è la nostra linea e siamo convinti di aver fatto la scelta giusta.

Un bacione

Xiaozhengm 520 ha detto...

2016-1-28 xiaozhengm
michael kors uk
coach outlet store online
cheap jordan shoes
nike outlet store
jordan 3
coach factory outlet
ray ban outlet
oakley sunglasses
burberry outlet
burberry outlet
mizuno running shoes
nike blazer
louis vuitton
michael kors handbags
timberland outlet
michael kors uk
jordan 4 toro
michael kors handbags
ugg outlet
adidas shoes uk
louis vuitton handbags
moncler jackets
nike trainers
cheap toms
toms wedges
ray ban sunglasses
mont blanc pens
louboutin
canada gooses outlet
nike air max shoes
nike air max uk
hermes uk
true religion outlet
toms outlet
ugg sale
ugg boots
michael kors outlet uk
ray ban sunglasses
christian louboutin
ture religion outlet

Dal 1° gennaio 2010 mi avete letto in...

Lilypie

Lilypie Second Birthday tickers Lilypie Kids Birthday tickers
Lilypie Kids Birthday tickers
Lilypie Kids Birthday tickers
Lilypie dal 6° al 18° Ticker Lilypie dal 6° al 18° Ticker
Daisypath Anniversary tickers
PitaPata Cat tickers
PitaPata Cat tickers
PitaPata Cat tickers

Segnalato da...

Add to Technorati Favorites BlogItalia.it - La directory italiana dei blog Blog360gradi - L’aggregatore di notizie a 360° provenienti dal mondo dei blog! questo blog fa parte della rete del Mommyblogging italiano Ricette di cucina