martedì 25 dicembre 2007

Finalmente, i biscotti di Natale!

Vi avevo promesso una panoramica sui biscotti di Natale. Eccola, con tanti carissimi auguri.
Innanzitutto, i biscotti assortiti della mia amica e vicina di casa Maria: con lei è una tradizione lo scambio di biscottini a Natale e a Pasqua. Mi raccontava che a Dongo, il suo paese natale, dopo la Messa di mezzanotte si usava andare a mangiare la busèca in una trattoria del paese, per poi tornare a casa per il panettone.


Ecco invece una carrellata sui miei:

A) i miei piccoli aiutanti: notare il mattarello della loro "taglia" (erano quelli dei ravioli!)


B) la decorazione con le glasse di zucchero a velo: coi bambini abbiamo pasticciato un sacco!


c) il tavolo pieno di biscotti, dai fiorellini con la sparabiscotti, alle stelline e gli occhietti di santa Lucia, fatti con la frolla speciale di Porzia degli occhi di bue; gli alberelli glassati alle noci e pinoli, i bambini e le bambine di frolla alla cannella ed i Babbi Natale sempre con lo stesso impasto. In fondo un piatto di frollini agli amaretti fatti ancora con la sparabiscotti e i miei brutti e buoni. Mancano nella carrellata le margherite di Stresa che, essendo delicatissime, erano al riparo da manine pasticcione...


Ecco le ricette.


***Fiorellini con la sparabiscotti***
(ricetta di Daniela Masina)
300 g farina 00;180 g burro; 90 g zucchero finissimo (Zefiro); un uovo; un cucchiaino di zucchero vaniglinato; un pizzico di sale; una busta di lievito per dolci; Minismarties per decorare

Monta con il robot il burro e lo zucchero, quindi aggiungi il resto degli ingredienti. Inserisci poco per volta l’impasto nel tubo, poi applica la trafila per il fiore al tappo ed avvitalo. Tieni la pistola perpendicolare rispetto alla placca e “spara” un colpo per volta, distanziando un po’ i fiori. Se l’impasto fosse troppo duro ammorbidiscilo con qualche cucchiaio di latte.
Non utilizzare carta forno o placche imburrate ma solo teglie antiaderenti.
Metti al centro di ogni fiore un confettino e poi inforna a 190°C per circa 15, 20 minuti.
Con lo stesso impasto, arricchito di dici amaretti finemente tritati al macinino, ho "sparato" gli altri biscotti col buco in mezzo.

***Biscotti gialli con la sparabiscotti***(ricetta mia)

230 g farina 00; 150 g farina fioretto di mais; 180 g burro; un uovo; 90 g zucchero finissimo (Zefiro); una bustina di lievito per dolci.
Come sopra, usando però la trafila con le tre fessure parallele e i due buchini alle estremità.

***Stelline***(ricetta degli occhi di bue di Porzia Losacco)

Farina g 350; fecola g 150; zucchero a velo g 150; burro g 250; un uovo; una tavoletta di cioccolato fondente, cannella in polvere e succo d’arancia.

Prepara la pasta frolla, lasciala riposare per almeno 1/2 ora in frigo, poi stendi la pasta col matterello a 3-4 mm di spessore. Ritaglia con le formine le stelle, cuoci a 180 °C per 10, 15 minuti sino a farle colorire un poco; reimpasta gli avanzi e rimettili in frigo fra un’infornata e l’altra, per stenderli bene.
Quando sono fredde, intingile nel cioccolato fuso sciolto col succo d’arancia e aromatizzato con un poco di cannella. Sistemale a solidificare su piatti di plastica.

***Brutti e Buoni di Gavirate*** (ricetta mia, ci tengo!!!)
Monta 3 albumi (circa 120 g di peso) con 60 g di zucchero Zefiro ed altrettanti di zucchero a velo vanillinato: dopo qualche minuto viene una consistenza tipo schiuma da barba e se infili un coltello negli albumi sta diritto (e la ciotola rovesciata non li fa cadere).
Incorpora a questo punto tutto assieme 60 g di zucchero Zefiro, ancora 60 di zucchero a velo e 150 g di granella di nocciole (tritate cioè col macinacaffé ma non troppo finemente).
Fin qua come per la meringa. A questo punto, metti nel sac à poche di plastica, quelli della Domopak, taglia a mezzo cm la punta e forma delle meringhine di due cm di diametro, circa. L’importante è che non siano stellati come le meringhe.
Metti in forno ventilato a 125 C° per mezz'ora; l'ultima mezz'ora le tieni girate sempre per asciugare bene sotto. Ecco fatti i brutti e buoni di Gavirate, belli dorati.

***Margherite di Stresa*** (ricetta di Elena Chesta)
250 g di burro morbido e facile da lavorare; 120 g di zucchero a velo, più altro per spolverare (meglio avere un colino o un setaccino); la buccia di 1/2 limone grattugiata fine; un pizzico di sale;
una bustina di vanillina; 4 tuorli di uovo sodo tritati finemente e passati al setaccio; 200 g di fecola di patate; 200 g di farina 00

In un'ampia ciotola mescolare il burro con zucchero, buccia di limone, il sale e la vanillina fino ad ottenere un impasto omogeneo. Unire l'uovo e procedere fino ad ottenere una pasta morbidissima e gialla.
Unire di seguito farina e fecola.
Quando l'impasto sarà completamente uniforme riponetelo in frigorifero per qualche decina di minuti per farlo raffreddare.
Su un piano infarinato stendete la pasta con un matterello. La pasta sarà spessa 1 cm e da questa ritaglierete con un coppapasta a bordi smerlati o con uno stampino per biscotti, delle margherite di diametro di 3 cm.
Disponete i biscotti su una placca da forno precedentemente coperta con carta forno. Con il dito formate un avvallamento nel centro di ogni margherita.
A forno già caldo (statico) cuocete i biscotti per 10 minuti a 220°C.
Lasciate raffreddare e spolverizzate con zucchero a velo.

Possono conservarsi per molto tempo, al buio e al fresco, ma non in frigorifero, ben chiuse in recipienti di latta o di vetro.

***Alberelli di biscotto con le noci***(ricetta mia, inventata per l'occasione)

Per la frolla: un uovo; 250 g di farina 00; 140 g di zucchero più 2 cucchiai; 60 g di noci; 40 g di pinoli; un cucchiaino di lievito per dolci; 70 g di burro; 2 cucchiaini di caffè solubile

Impastare tutto assieme tritando le noci ed i pinoli assieme a due cucchiai di zucchero semolato ed al caffè solubile.
Stendere sul piano leggermente infarinato se serve e ricavare gli alberelli con le formine.
Cuocere per circa 20 minuti a 190 °C.

Quando sono freddi, glassare i biscottini con zucchero a velo sciolto con poche gocce di caffè oppure colorante alimentare liquido e decorare con dei confettini argentati. Lasciare asciugare mezza giornata.


***Cuoricini di orzo e cioccolato***(altra ricetta mia)

Per la frolla: un uovo; 250 g di farina 00; 100 g di farina di orzo integrale; 30 g di cacao amaro; 100 g di burro; un uovo; due dita di bicchiere di latte; un cucchiaino di lievito per dolci.

Impastare il tutto e lasciare la pasta in frigorifero per una mezz’oretta avvolta nella pellicola.
Stendere con il matterello sul piano leggermente infarinato e ricavare i cuoricini con il tagliabiscotti.
Cuocere a 190 °C per circa 15 minuti.
Glassare con zucchero a velo sciolto con poche gocce di acqua e confettini colorati.


Note.
Questa ricetta dei Brutti e Buoni di Gavirate è mia. Sono riuscita a realizzarli proprio come li volevo dopo anni di tentativi, l’anno scorso, e non l’ho più abbandonata. Alcuni usano anche le mandorle ma a me non piacciono e poi inumidiscono l’impasto.

Quella delle Margherite di Stresa, invece, è di Elena Chesta. Ha un blog interessantissimo, http://www.montag.it/comida, molto seguito.
Questi delicatissimi biscottini prendono il nome dalla prima regina d'Italia, Margherita di Savoia: non quindi perché abbiano una forma che ricordi un fiore ma perché furono dedicate alla Regina Margherita. Ho trovato qui la storia, con un'altra ricetta che proverò.
Io le abbino spesso ai Brutti e Buoni sia perché sono due begli esempi di pasticceria nostrana, ma anche perché i primi si fanno con gli albumi mentre le margherite con i tuorli, e così non spreco niente.
Faccio rassodare i tuorli direttamente in un pentolino d’acqua bollente per cinque minuti, e così lascio crudi gli albumi.

Le ricette per la sparabiscotti sono la mia vera passione. L’importante è che l’impasto abbia la giusta consistenza, e per ottenerlo bisogna utilizzare una buona dose di burro. Comunque, si fa una valanga di biscotti alla velocità della luce e poi non si sporca nemmeno il tavolo!

Per le stelline ho usato l’impasto degli occhi di bue di un’altra signora molto abile in pasticceria, Porzia, che scrive sulla rivista “Dolci” ma che un tempo partecipava attivamente al forum di Cucinait. In pratica si fa un doppio biscotto tondo, il primo pieno ed il secondo forato con un tagliabiscotti tondo più piccolo; una volta cotti si mette sul biscotto pieno un po’ di marmellata di albicocche e poi si fa aderire il biscotto forato. Si continua con tutti i biscotti (se ne possono fare anche col cioccolato fuso) e si lasciano una notte ad asciugare. Il giorno dopo saranno perfettamente attaccati. Io li ho fatti per Santa Lucia: erano gli occhietti.


Buon Natale!!!

Dal 1° gennaio 2010 mi avete letto in...

Lilypie

Lilypie Second Birthday tickers Lilypie Kids Birthday tickers
Lilypie Kids Birthday tickers
Lilypie Kids Birthday tickers
Lilypie dal 6° al 18° Ticker Lilypie dal 6° al 18° Ticker
Daisypath Anniversary tickers
PitaPata Cat tickers
PitaPata Cat tickers
PitaPata Cat tickers

Segnalato da...

Add to Technorati Favorites BlogItalia.it - La directory italiana dei blog Blog360gradi - L’aggregatore di notizie a 360° provenienti dal mondo dei blog! questo blog fa parte della rete del Mommyblogging italiano Ricette di cucina